Fontana Piazza della Crocetta

Piazza della crocetta
La fontana di Santa Maria in Poggio è una delle più antiche tra le fontane a fuso, tipiche della città di Viterbo.La fontana è chiamata anche della Crocetta per via dei padri religiosi crociferi,ministri degli infermi  il cui fondatore è San Camillo de Lellis. Tra le fontane viterbesi è sicuramente una delle più conosciute a causa del suo legame con la giovane Santa Rosa. La leggenda narra di un episodio, ricordato fra i miracoli della Santa, in cui la giovane ragazza recatasi alla fontana per attingere l’acqua,ruppe la brocca di una sua compagna e venne da questa duramente rimproverata; così la Santa raccolse i cocci e per miracolo li riunì e, riempiendo nuovamente la brocca, la restituì alla compagna. La fontana, del tipo a fusosi presenta con una vasca circolare; la base è costituita da un gradino isolato dalla pavimentazione della strada tramite un incasso che raccoglie lo scolo dell’acqua. Vista la similitudine con altre fontane di questo tipo possiamo collocarla al XIII sec. Al centro della vasca troviamo il fuso, caratterizzato dal tipico profilo ovoidale, dal quale fuoriescono una testa maschile ed una femminile. Alternate a due teste di leone, che sorreggono i bocchettoni da cui esce l’acqua. Il fuso termina con una cuspide ottagonale su una delle cui facce è presente un bassorilievo con un cane in corsa, elemento di originalità della fontana rispetto ai modelli classici. Sopra il fuso troviamo una scultura composta da due figure femminili una delle quali rappresenta Santa Rosa. L’episodio rappresentato ricorda il miracolo della brocca risanata.